MOISSANITE l'imitazione più perfetta del DIAMANTE : Guide eBay

Scrivi una Guida Guide di: monzamuggio ( 180Punteggio di feedback compreso tra 100 e 499)
7 di 7 persone hanno trovato questa guida utile.
Guida vista: 6391 volte Tag: moissanite | diamante | prezioso | brillante | gemme


Moissanite Sintetica – il primo vero “simile” al Diamante La moissanite sintetica , accresciuta in laboratorio (carburo di silicio, SiC), racchiude in sé la maggior quantità di caratteristiche fisiche più vicine al diamante rispetto a qualsiasi altra imitazione ed agli attuali strumenti elettronici d’analisi risponde come diamante. Per identificare la moissanite sintetica, se in pietre sciolte, immergerla in ioduro di metilene (lo sconsigliamo vivamente è nocivo anche alla sola inalazione); i diamanti naturali affondano (densità 3,52), la moissanite galleggia (densità 3,22). Per analizzarla montata, osservare la pietra ad almeno 10x (dieci ingrandimenti), guardare attraverso le faccette della corona e cercare lo sdoppiamento e la forte dispersione (per dispersione s’intende la capacità delle pietre di scindere la luce bianca nei colori dello spettro). Ma quali sono le proprietà che rendono la moissanite così unica? Indice di rifrazione Dispersione Durezza Resistenza Moissanite 2,65 – 2,69 0,104 9 1/4 eccelente Diamante 2,42 0,044 10 eccelente Indice di rifrazione è un valore che misura la luce che viene riflessa – e non assorbita – da una gemma sfaccettata: più alto è l’indice di rifrazione, più viva è la sua lucentezza. Dispersione (fuoco) è quel fenomeno ottico per cui un raggio di luce, attraversando una gemma, si scompone in tutti i colori dell’iride. Più alto è il suo valore, più la gemma ci colpisce per il suo straordinario gioco di colori. Durezza è la resistenza che la gemma oppone alla scalfittura: viene misura con la scala di Mohs che indica un grado di durezza che va da 1 a 10. Resistenza a seconda della coesione del reticolo cristallino, ogni gemma risponde diversamente ad un impatto a cui viene sottoposta, indipendentemente dalla sua durezza. Così perfetta da non riuscire a riconoscerla ? No, basta che …… ….. guardiate con una lenta a 10X (ingrandimenti) le faccette del padiglione attraverso la corona e vedrete che la luce riflessa si sdoppia. E’ una caratteristica della moissanite, birifrangente, e non del diamante, monorifrangente. ….. vediate con una lente a 10X (ingrandimenti) , o meglio, al microscopio, alcune inclusioni a forma di piccoli aghi, quasi sempre perpendicolari alla tavola, nate dal processo di crescita del cristallo. Nel diamante non esistono, nella moissanite possono essere presenti, ma non sono visibili ad occhio nudo. 

ID guida: 10000000010301265Guida creata: 19/01/09 (aggiornato il 20/08/13)

 
Questa guida è stata utile? Segnala guida

Sei pronto a condividere le tue informazioni con altri utenti? Scrivi una Guida



Ulteriori opzioni di navigazione